leonardo.it

Download di musica dal cellulare: un servizio che stenta a decollare

 
Gianluca Crispino
23 maggio 2010
Commenta

nokia comes with music 1 lowres Download di musica dal cellulare: un servizio che stenta a decollare

Ogni telefonino di fascia medio/alta uscito negli ultimi anni dispone di una discreta quantità di memoria interna ed un player mp3 integrato da non farci rimpiangere lontanamente (se non per affetto) i vecchi walkman o lettori cd portatili. I servizi da cui scaricare musica “in movimento” si stanno moltiplicando ed hanno portato (finalmente) il costo degli album a prezzi onesti. Ma nonostante ciò il download di musica dal cellulare fatica a prendere piede.

Una ricerca di ComScore ha evidenziato come, nonostante la musica digitale stia surclassando gli ormai vecchi cd, solo il 2% degli americani e degli europei utilizza regolarmente il cellulare per download delle canzoni. Il 98% di chi acquista musica digitale, infatti, preferisce acquistare sempre utilizzando esclusivamente il proprio computer, sebbene il più delle volte la musica sia ascoltata sul telefonino ed i recenti programmi prevedono la sincronizzazione automatica tra i nostri smartphone ed il computer.

In America, lo store digitale iTunes di Apple rappresenta il 26% del fatturato totale degli Stati Uniti nel settore musica; quindi la mentalità da parte degli utenti di acquistare e fruire gli mp3 c’è. Ma nonostante i cellulari di ultima generazione consentano collegamenti al web e il facile accesso ai negozi virtuali, la stragrande maggioranza dei fruitori di musica digitale è piuttosto refrattario all’uso del telefonino per il download.

Quel 2% assume valenza ancora più “strana” se consideriamo anche il servizio di Nokia, Comes With Music, che offre una anno di accesso gratuito al catalogo Warner, Emi, Sony Music e Universal (oltre che altre etichette indipendenti) a tutti i cellulari che supportano il servizio.

La ricerca di ComScore conclude quindi che il cellulare è tuttora utilizzato prevalentemente per gli SMS (82% degli utenti), applicazioni (35%) e la navigazione su internet (25%). Quindi le major discografiche dovranno aspettare ancora qualche anno prima di considerare i nostri cellulari come fonti di ulteriori incassi.

Articoli Correlati
Oxford blocca gli accessi a Spotify, il servizio di musica in streaming

Oxford blocca gli accessi a Spotify, il servizio di musica in streaming

La celebre università inglese ha deciso di bloccare l’accesso ai servizi di musica in streaming a tutti i suoi studenti. Il motivo? Di certo non per le distrazioni che può […]

Babelgum Mobile: film, video e musica sul nostro cellulare

Babelgum Mobile: film, video e musica sul nostro cellulare

Babelgum Mobile è un’applicazione per cellulari Symbian, Android e Iphone, che permette di accedere alla grande quantità di film, video e musica gratis messi a disposizione da Babelgum. Un vasto […]

UE: cellulare in aereo stenta a “decollare”

UE: cellulare in aereo stenta a “decollare”

Chi viaggia da anni con l’aereo sa benissimo che i telefonini erano letteralmente banditi in cielo, a causa dei rischi causati dalle interferenze delle onde elettromagnetiche sulle apparecchiature di bordo. […]

Sony BMG UK punta alla musica tramite cellulare

Sony BMG UK punta alla musica tramite cellulare

Cari lettori, come vi abbiamo già detto in un articolo di qualche giorno fa, anche Vodafone, dopo l’annuncio di Tre Italia sulla nascita della prima flat per scaricare musica sul […]

MIDOMI mobile, cercare musica canticchiandone il motivo al cellulare

MIDOMI mobile, cercare musica canticchiandone il motivo al cellulare

Avete sentito una canzone e ve ne siete innamorati, il motivo lo avete impresso nella mente da giorni ma il titolo della canzone proprio non lo ricordate o forse proprio […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento