Fastweb, parte la campagna “Navigare in rete senza pericoli” con Ecpat

di Michele Costanzo Commenta


E’ partita ufficialmente una nuova campagna di sensibilizzazione per un uso consapevole della rete promossa da Fastweb e sviluppata con l’organizzazione ECPAT Italia. L’iniziativa è stata denominata “Navigare in rete senza pericoli” e si propone di informare sui rischi nascosti della rete e fornire allo stesso tempo consigli pratici per muoversi meglio nel mondo digitale. La campagna informativa coinvolgerà tutti i clienti Fastweb che a partire da questo mese di marzo riceveranno assieme alla fattura anche opuscoli informativi. Le stesse informazioni saranno a disposizione di tutti sul sito di ECPAT Italia, una ONLUS che a partire dal 1990 contrasta con innumerevoli iniziative ogni forma di sfruttamento a danno dei minori.

L’iniziativa “Navigare in rete senza pericoli” si rivolge anzitutto ai genitori con lo scopo di fornire strumenti di valutazione più precisi e consapevoli. Accade spesso infatti che il tempo trascorso dai minori davanti al computer sia considerato come implicitamente sicuro trascurando invece le insidie che la rete a volte può celare. Si tratta di un problema non solo culturale ma a volte anche strettamente tecnico che richiede conoscenze informatiche ed informazione costante.

Non è un caso che il primo consiglio fornito dall’Ecpat è quello di provare in prima persona i macchinismi della rete ed in particolare degli ambienti si socializzazione (forum, social network, chat, etc). La consapevolezza diretta è infatti il miglior metro di giudizio per valutare l’opportunità di dare accesso ai propri figli ad un certo servizio. Altrettanto importante è la comunicazione nell’ambiente familiare che non dovrebbe mai nascondere i problemi ma favorire al contrario il dialogo.

Una scelta ragionata di regole per l’uso di Internet è un altro dei punti chiave della campagna che sottolinea come il tempo trascorso in rete non debba diventare un riempito nella giornata dei minori ma vada sempre limitato nella quantità ed alternato alle altre normali attività quotidiane. Per tutti i lettori che volessero approfondire queste ed altre tematiche suggeriamo la lettura dei documenti pubblicati da ECPAT Italia.

[Via | Fastweb]
[Photo Credits | ECPAT Italia]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>