Le Pagine Gialle sull’iPhone

di Francesco Russo Commenta

Stasera analizziamo un applicativo per iPhone. Chi nella sua vita non ha consultato almeno una volta le Pagine Gialle? Un tempo erano dei grossi mattoni gialli stampati su carta riciclata che viaggiavano nelle aziende con tanto di note e segnalibri all’interno per trovare sempre la categoria di proprio interesse, poi arrivarono i database e di conseguenza la consultazione elettronica.

Oggi arrivano sul nostro iPhone come applicazione per smartphone. L’applicativo Pagine Gialle Mobile, come la versione cartacea è realizzato dalla SEAT ed è disponibile per tutti gli utenti che necessitano di cercare i servizi commerciali anche in mobilità. Il tipo di ricerca rimane uguale a quello standard e cioè, per nome dell’attività e soprattutto per categoria merceologica. Il portale Mobile ha in se dieci famiglie di categoria selezionatre tra cui: Tempo libero,Pubblica utilità, Emergenza, Dormire oppure Mangiare. Le ricerche libere effettuate andranno direttamente ad interrogare i database di Pagine Gialle e di Pagine Bianche.

Per ogni risultato trovato, viene data una scheda dettaglio dell’attività e la possibilità di effettuare la chiamata direttamente premendo sul tasto di chiamata, o ancora di localizzare con il GPS l’esercizio ed avviare la navigazione.
Per ogni ricerca effettuata, la rubrica interna del software memorizzerà le ultime ricerche effettuate.

Questa applicazione permetterà agli utilizzatori di iPhone ed iPod Touch di avere sempre con se un portale aperto sul melafonino per identificare i recapiti in caso di utilizzo mobile. Il software è scaricabile gratis nella sezione dei contatti sull’App Store di Apple e basterà installarlo sul proprio dispositivo per cominciare subito a ricercare e sfruttare le caratteristiche native del dispositivo come la localizzazione GPS ed il Multi Touch.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>