RIM e il brevetto per disattivare la fotocamera

di Marialessia Gerardi 1

Al fine di evitare che visitatori o personale catturino immagini in aree limitate, in molte aziende, si sa, è vietato introdurre i propri telefoni cellulari, la RIM, Research In Motion, ha depositato un brevetto per un sistema che disattiva la foto-video-camera dei nostri telefonini.

L’applicazione include diverse soluzioni per limitare l’uso di una macchina fotografica in zone prestabilite in cui è vietato scattare fotografie. La funzione “scatto” può essere disattivata tramite satellite quando si entra nelle aree off limits, oppure molto meno tecnologico attraverso una chiavetta viene impedita l’apertura del coperchio dell’obiettivo.

Per quanto riguarda la prima possibilità, ovvero usufruendo del sistema GPS e / o l’ accesso alla rete wireless, questo significherebbe che in queste particolari aree i dipendenti potrebbero essere obbligati a connettere i loro cellulari a un qualche dispositivo per disattivare l’eventuale fotocamera integrata.


I confini geografici dell’area riservata una volta individuati tramite GPS vengono memorizzati su un dispositivo che poi rispetto alla collocazione del telefono se identifica il cameraphone posizionato all’interno di tali coordinate, disattiva automaticamente la fotocamera.

Se il software dell’applicazione viene precedentemente installato su un telefono cellulare (si pensi alla tipologia “amministratore remoto”), un terzo, come una società di gestione potrebbe utilizzarlo per disattivare la fotocamera per un certo periodo di tempo.
Questo potrebbe essere utile nel caso in cui partecipiate ad una riunione riservata, per esempio.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>